295

Non leggo le notizietrovando continuamente conforto alla convinzione che siano una merce come tutte le altre e non quella roba che dovrebbe rendermi migliore meno peggio di quello che sono e spesso vengo a conoscenza dei fatti dalla lettura dei commenti ai suddetti.
Capisco quindi con qualche giorno di ritardo –ma sempre– perché, nella priorità degli argomenti da discutere, delle cuffie sostituiscano la SalutedeiNostriMari o il diritto di qualcuno a qualcosa.

Per contro, sulla storia dell’analfabetismo funzionale non riesco, forse a causa della periodicità degli interventi*, a farmi un’idea precisa. Questo anche a causa della sistematica mancanza di fonti (ho pretese da scienziato) di una qualche attendibilità, tranne occasionali riferimenti a altri articoli senza fonti che renderebbero il tutto simile a un delirio complottista se a occuparsene non fossero affabili e specchiate intelligenze che, tra l’altro, inducono la mia prudenza a risparmiarmi l’onta d’essere la cavia che dimostra che:

l’analfabeta funzionale è il lettore che non è d’accordo con il padrone di casa.

*escluderei, per scarsa umiltà, l’inarrivabile maestria dello scrittore, perché, come ho avuto modo di dire in passato, leggo molto meglio di come scrivo.

Eco è stato fin troppo magnanimo

                                                                    Premesso che le motivazioni a ieri*
ancora non erano note

checcazzo di interesse avrebbe potuto suscitare la revoca dei benefici di legge a qualcuno che invece di andare a lavorare come previsto

potrebbe essere andato al mare?

Meglio, molto meglio montare il teatrino dell’indignazione, perché a qualcuno è stato negato il diritto di postare i cazzi suoi su Facebook.

*oggi non so, ché so’ più volubile de voi

qui c’è Lemmy senza baffi che solo quello vale il click

diritti

Nel laghetto artificiale, che abbellisce il parco che del Comune che non vorrei abitare, è stato trovato un animale morto.
-affogato?-.
Visto che è il quarto ritrovamento in pochi mesi, dice che urge la nomina di una commissione per i diritti degli animali.
Ora, gli animali, non affogheranno moriranno più, quantomeno non gratis.

un po’ di ginnastica

Come già obiettai, della battaglia del momento non gliene frega un cazzo a nessuno:
ora le trivelle… e i diritti dei ricchioni nel dimenticatoio,
ogni tanto qualche vegano intraprendente… e i diritti delle oloturie.
Mentre su Regeni, ma qui la cosa è diversa, non ce ne facciamo una ragione: quanto cazzo ci mettono in certi paesi dimmerda* per trovare un colpevole.

*oh, c’ho avuto l’imbarazzo della scelta

il pedante

Per quanto mi sforzi, non riesco a trovare differenze tra una stronza che, come pena accessoria, eroga un danno alla tua auto e quelli che ammazzano a calci e pugni un ragazzo arrestato con della droga addosso.

Al netto del fatto che chiunque, immagino, preferirebbe l’auto in fiamme al ruolo da protagonista in un funerale*, vedo comunque degli stronzi che ritengono di avere titolo per rimediare alle carenze dello Stato di diritto.

*il suo

La striscia di Santa Rita

Ci sono posti dove i guasti della guerra vengono cancellati il più velocemente possibile affinché non serpeggi il panico tra la popolazione e quelli dove con i soldi degli aiuti ci si costruiscono ville e piscine

e le buche tornano utili per altre questue

Eppoi ce so’ Via Baldrighi e Via S.Rita da Cascia, a Tor Bella Monaca,
dove pare che ce sia stata la guerra o che lo si voglia far credere,

ma senza la speranza che qualcuno elargisca.

nun era ‘na gita foriporta

L’Eggitto nun so’
i Castelli Romani
          Erminio Ottone

 

Il clamore stuzzica la curiosità, così ho dato un’occhiata al curriculum (quelle quattro cose in rete) del protagonista del fatto di cronaca del momento. Fatto sul quale pare che tutti la sappiano mooolto lunga.

Come sempre del resto.

Una mezza idea me la sono fatta pure io, oh.. non so se i servizi e quali, nun c’ho mica l’informazioni de quelli scafati, ma una cosa credo sia certa:

non era una vacanza -né la missione d’un sindacalista-.