un buon motivo per non fare il presepe

Voglio squarciare il velo su quello che anche gli anticlericali più duri non hanno il coraggio di denunciare:

il problema non è la laicità dello Stato o la spiccata sensibilità altrui, ma contrapporre la verità alla più bieca propaganda.

Ci hanno abituati fin da piccoli alla menzogna, così che ora ci pare naturale; guardateli bene i personaggi di questo plastico sulla nascita di un ebreo di duemila e spicci anni fa:

20151130_193149.jpg

e sì, signori miei! Quella che maldestramente si cerca di mascherare è una Kippah, in testa a uno con abiti inequivocabili, e se questi vi sembrano i deliri di un complottista guardate questa allora:

20151130_193214.jpg

Ehi, ehi! quello è uno Shofar e chi lo suona non è un arabo, anzi se vogliamo essere onesti fino in fondo quello è uno che fino al millenovecentoquarantotto non aveva messo piede su quella terra, lui e il suo cazzo di Talled.

Ecco quindi che: o si è mentito sulle origini del Cristo o è sbagliata l’ambientazione e il presepe dovrebbe avere l’aspetto della Spagna di Isabella e Ferdinando o, al limite, del ghetto di Varsavia, luoghi d’origine degli ebrei che preferiamo.

Annunci

UDITE, UDITE

A ogni giovine suddito compiente la maggiore età, Re Piddino elargirà regalia allo scopo di accrescerne il livello culturale.

La banconota verrà consegnata al seggio insieme alla scheda elettorale.

di qualcosa si dovrà pur morire, ma non sarà di paura

Screenshot 2015-11-19 15.14.43

Oggi a Roma qualche decina di musulmani ha manifestato la propria contrarietà al terrorismo… qualche decina, non molti.

La miglior risposta ai miserabili che non hanno avuto una parola per le vittime, ma molte per i carnefici e molte ancora in supercazzole su Merovingi e migrazioni delle rondini riuscendo a dimostrare che il più stronzo, quello che la spara più grossa è il leader d’opinione di una parte politica sempre più squallida.

Il rammarico è che la maggior parte di questi ruba uno stipendio e insidia lo sviluppo delle future generazioni nelle scuole italiane.

non è che se sei un avvoltoio puoi storcere il naso per le abitudini degli sciacalli *

Gli ultimi avvenimenti di integrazione e multiculturalismo alla volemose bbene mi hanno assorbito a sufficienza.

Il gran numero di interventi che ho letto si possono riassumere in:

  • per carità non facciamoli arrabbiare, sarebbe peggio
  • non rinunciamo ai valori dell’illuminismo pretendendone il rispetto anche dai nostri fratelli esasperati,
  • ora gli sciacalli della destra non devono approfittarne.

lasciando da parte la pavidità e i valori che interessano a singhiozzo, mi concentrerei sullo sciacallaggio:

è singolare che ne parli gente che, qualche settimana fa, le foto di un bambino morto ce le ha infilate pure nel buco del culo, ma lì, come ora, c’era in ballo l’affare della solidarietà.

*il titolo è frutto di furto intellettuale